Ferentillo-Nicciano

DISLIVELLO: 220 mt
DIFFICOLTÀ: T
SVILUPPO: 5,600 Km
DURATA: circa 1h 50' andata e ritorno
SEGNALETICA: segnavia bianco-rossi

Dall'abitato di Ferentillo-Matterella, di fronte alla monumentale Collegiata di Santa Maria, si procede in salita su strada, dapprima su fondo in cemento, poi su fondo sterrato. Si incontra l'edicola di San Rocco, quindi in breve si giunge all'abitato di Gabbio, preceduto da una fonte. Lo si attraversa fra vestigia di epoche storiche diverse, che testimoniano le vicende di questo centro dal medioevo fino allo spopolamento del secolo scorso e l'incipiente ristrutturazione attuale. Tra queste urge segnalare la chiesa di San Vincenzo Martire, in origine romanica, rimaneggiata nel corso dei secoli. Superato Gabbio, si procede su mulattiera storica, incontrando i resti di una calcinaia. Superato il bivio per Lorino, si prosegue fino all'abitato di Nicciano (475 slm).

Si rientra percorrendo lo stesso itinerario fino ad un bivio, si devia a destra lungo una strada sterrata che si abbandona poco dopo per imboccare una mulattiera, lungo la quale si incontra un rudere di calcinaia di rilevanti dimensioni, debitamente corredata da un pannello illustrato. La mulattiera, spesso abusivamente percorsa con grave danno da motocicli, termina sulla strada sterrata che conduce da Ferentillo a Gabbio. Da Gabbio si ritorna a Ferentillo per l'itinerario di andata.


Alessio Sugoni
Guida Escursionistica

info@trekkinginumbria.it
www.trekkinginumbria.it

Attenzione: Il materiale pubblicato in questa sezione, costituito da foto, tracce GPS e brevi descrizioni degli itinerari, rappresenta un semplice suggerimento e non è assolutamente sufficiente per percorrere in sicurezza gli itinerari proposti. A tale scopo è indispensabile una personale esperienza nell'attività escursionistica, una idonea capacità di orientamento (anche strumentale), nozioni del primo soccorso ed eventualmente il ricorso alle figure professionali abilitate nell'accompagnamento.